Resilienza
Menopausa

Contraccezione in premenopausa

Salve, ho 52 anni e da un anno assumo Klaira. Ho iniziato ad assumerla perché, essendo entrata in premenopausa più o meno a 49/50 anni, avevo ciclo molto irregolare e soprattutto fastidi piuttosto importanti quali sudorazione notturna. Negli ultimi tre mesi, però, tra una confezione e l’altra di Klaira non mi viene più il ciclo. Il ginecologo dice che è normale e di continuare. Vorrei capire da cosa può dipendere, se è il caso di effettuare controlli più approfonditi e per quanto altro tempo in generale posso continuare a prendere questa pillola o eventualmente passare a terapia sostitutiva e quali sono le differenze e i vantaggi/svantaggi dell’una o dell’altra. Grazie per la vostra risposta

Resilienza
01 Luglio 2021
01 Luglio 2021

Risposta

Buongiorno,
Negli ultimi anni la percentuale di donne che in epoca pre e peri-menopausale assume la pillola sta aumentando in relazione al fatto che la pillola offre allo stesso tempo benefici contraccettivi e non contraccettivi (correzione delle irregolarità mestruali che caratterizzano questo periodo ed in particolare controllo degli episodi metro-menorragici, prevenzione dell’anemia che può derivare da tali sanguinamenti, prevenzione della demineralizzazione ossea ecc..).
Per rispondere alla sua domanda è necessario un inquadramento diagnostico completo che comprende, oltre alla visita, anche una completa raccolta anamnestica, una ecografia ed eventualmente anche degli esami ematochimici con dosaggio ormonale.
Ne parli con il suo ginecologo.

Agata Ingala
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK