Carlame99
Contraccezione / Impianto

Consulto contraccettivi per mutazione del fattore V di Leiden

Salve,
Recentemente, grazie ad alcune analisi del sangue, ho scoperto di avere una mutazione genetica chiamata Mutazione del Fattore V di Leiden. Mi è stata dunque interrotta la pillola anticoncezionale combinata che avevo preso da 7 anni a quella parte, e mi sono stati sconsigliati anche altri contraccettivi contenenti estrogeni quali anello vaginale e cerotto. Vorrei dunque sapere quale potrebbe essere un’altra soluzione valida per la mia situazione. Facendo ricerche ho trovato ad esempio la spirale in rame, la minipillola oppure il bastoncino impiantabile. Personalmente preferirei il bastoncino impiantabile, ma non sono sicura del se possa danneggiarmi o meno, e oltre tutto non so a chi rivolgermi per metterlo. Chiedo quindi in vostro consulto.
Grazie e arrivederci.

Carlame99
30 Giugno 2021
30 Giugno 2021

Risposta

Buongiorno,
come ha letto correttamente, può utilizzare tutti i dispositivi a base di solo progestinico:
– “Mini-Pillola”
– Spirale
– Impianto sottocutaneo

L’impianto è un bastoncino di plastica piccolo, morbido, flessibile, della lunghezza di 4 cm e del diametro di 2 mm. L’applicatore consente al medico di inserire l’impianto direttamente sotto la pelle, all’interno della parte superiore del braccio non dominante (il braccio che non usa per scrivere).
Si rivolga in consultorio, li sicuramente sapranno indicarle un operatore accreditato per il posizionamento dell’impianto. Prima dell’inserimento, il medico le porrà alcune domande sulla sua storia medica personale e visionerà tutta la documentazione per sincerarsi che non ci siano controindicazioni all’inserimento.
Cordialità

Agata Ingala
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK