Spirale al rame (IUD)

Efficacia

99%

Durata

<5-10 anni

  • È un piccolo dispositivo in plastica contenente un filamento di rame
  • Protegge a lungo: 3-10 anni, a seconda del tipo di prodotto
  • Puoi decidere di rimuoverla quando vuoi: l’effetto contraccettivo termina rapidamente
  • È molto sicuro (99%)
  • Può essere indicata per le donne che non tollerano l’assunzione di estrogeni

Esistono in commercio diversi modelli di spirale al rame, con caratteristiche, forma e dimensioni differenti. Dopo un´accurata visita, il ginecologo indicherà il modello più adatto sulla base delle caratteristiche individuali dell´utero.

Il sottile filamento di rame, strettamente avvolto all´asta del dispositivo, potenzia l´effetto meccanico esercitato dalla spirale, agendo come uno “spermicida“. Gli ioni di rame, infatti, una volta liberati nella cavità uterina svolgono un´azione diretta sugli spermatozoi, sia inibendone la motilità sia alterandone la capacità di fecondare l´ovulo.

La spirale al rame ha una durata variabile in base al modello: in genere va sostituita dopo 3-5 anni.

Vantaggi

Garanzia di una contraccezione molto efficace e di lunga durata

Efficace subito dopo l’inserimento

Rapida reversibilità

Nessuna interferenza con i rapporti sessuali

Solleva la donna dall’assunzione giornaliera del metodo contraccettivo

Valida alternativa per le donne che non possono o non vogliono assumere contraccettivi orali

Svantaggi

Non protegge contro l’infezione da HIV o altre malattie sessualmente trasmissibili. In caso di rischio di uno dei due partner va sempre usato il profilattico

Può aumentare il rischio di infezioni pelviche nei primi giorni dall’inserimento

Può causare sporadiche perdite ematiche o flusso mestruale più abbondante e crampi dolorosi durante il ciclo (sintomi che, tuttavia, tendono a scomparire dopo 2-3 mesi dall’inserimento)

Necessità del ginecologo per l’inserimento e la rimozione. La scelta di adottare una spirale da parte delle donne deve sempre essere avallata dal medico, il quale deve escludere l’esistenza di eventuali controindicazioni che, se non rispettate, possono compromettere la salute e la fertilità futura della donna

Fattori psicologici correlati alla presenza di 'un corpo estraneo' o alla preoccupazione del controllo della posizione dei fili o alla possibilità di espulsione


È indicato per me?

La spirale (o IUD) rappresenta un metodo contraccettivo molto efficace, indicato soprattutto per la donna senza rischio di malattie sessualmente trasmesse, che vuole una contraccezione sicura, che duri a lungo, ma che sia facilmente reversibile e non interferisca con l’intimità e il piacere del rapporto sessuale.

Le controindicazioni all´uso della spirale sono connesse soprattutto a eventuali alterazioni della cavità uterina e alla presenza o al rischio di sviluppo di infiammazioni e/o infezioni a carico degli organi genitali interni, che potrebbero interferire con la fertilità futura della donna.

Per maggiori informazioni, controlla se ti ritrovi in una delle situazioni riportate nell’elenco sottostante. In ogni caso parlane con il tuo ginecologo: il referente più adeguato per consigliarti e dirti se lo IUD è il metodo più adeguato alle tue esigenze individuali, alla tua salute e al tuo stile di vita.

Cerca le caratteristiche che ti corrispondono e leggi se il dispositivo intrauterino al rame (IUD) può essere indicata o meno per te.

Sono sana e non fumo

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo.

Se le caratteristiche e le misure del tuo utero sono idonee all´inserimento del dispositivo. Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Ho un rapporto stabile con un partner sano

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo.

Se le caratteristiche e le misure del tuo utero sono idonee all´inserimento del dispositivo. Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Sono un´adolescente

Vi sono spirali specifiche che possono essere utilizzate anche dalle adolescenti, salvo diversa prescrizione medica.

Ho 25-30 anni, un rapporto consolidato, per il momento non abbiamo figli

Vi sono spirali specifiche che possono essere utilizzate anche dalle donne che non hanno avuto figli, salvo diversa prescrizione medica.

Sono giovane, ma ho le idee chiare, non voglio figli

Vi sono spirali specifiche che possono essere utilizzate anche dalle donne giovani, salvo diversa prescrizione medica.

Io e il mio partner siamo una coppia solida, entrambi sani, monogami, senza rischi di MST

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita per valutare lo stato di salute generale ed in particolare dell’utero, potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo. La scelta del contraccettivo diventa così anche un´occasione per valutare con maggiore consapevolezza la propria salute e la propria vita sessuale e affettiva.

Ho più di 40 anni, sono in buona salute, fumo

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo, anche se non hai avuto figli.

I dispositivi intrauterini rappresentano sicuramente un buon metodo per le donne in premenopausa perché accanto ad una ottima sicurezza garantiscono un’ottima tollerabilità metabolica.

D’altra parte, è importante ricordarsi che il loro controllo deve essere molto accurato: qualunque sintomo (dolori, meno o metrorragie) deve essere attentamente valutato dal tuo medico per individuarne l’origine senza attribuirlo automaticamente alla presenza della spirale.

L’unica controindicazione della spirale in questa fascia d’età è rappresentata dalla presenza di menorragie (ciclo eccessivamente abbondante con caratteristiche di emorragia). In questi casi potrebbe essere indicato il dispositivo a rilascio di levonorgestrel che, inducendo una marcata ipotrofia dell’endometrio (mucosa dell’utero), determinano la scomparsa o il miglioramento della menorragia.

Ho già due figli, non desidero averne altri, però… non si sa mai

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo. Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Siamo una coppia aperta, sessualmente libera, ognuno di noi ha rapporti multipartner o di scambio di coppia

La spirale può essere controindicata.

Va ricordato che la spirale non protegge dalle malattie sessualmente trasmesse e in caso di rapporti occasionali o con partner diversi richiede sempre l’uso combinato del preservativo da parte dell’uomo (per la protezione di entrambi i partner).

Voglio un metodo di lunga durata, discreto, gestibile completamente da me, ma non per bocca. Ho già un bambino e per ora non ne voglio altri

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo. Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Cerco un metodo molto sicuro, di lunga durata, che però non contenga ormoni

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un´accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo. Questo metodo assicura un´efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Voglio un metodo che mi sollevi dal ricordarmi ogni giorno della contraccezione

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo. Questo metodo assicura un efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali. Altri metodi che potrebbero essere appropriati, sono l’anello vaginale, il cerotto a rilascio transdermico, la spirale a rilascio di ormone (IUS), l’impianto sottocutaneo.

Voglio un metodo che non implichi nessun coinvolgimento del ginecologo

La spirale può NON essere indicata.

Il dispositivo intrauterino al rame necessita del ginecologo per l´inserimento e la rimozione che, se la spirale è ben tollerata, può avvenire anche dopo un periodo di 5 anni. La scelta di adottare una spirale da parte delle donne deve sempre essere avallata dal medico che deve escludere l´esistenza di eventuali controindicazioni: se queste non sono rispettate, possono compromettere la salute e la fertilità futura della donna. L’inserimento della spirale prevede anche delle visite periodiche di controllo.

Non voglio sentire nessun corpo estraneo dentro di me

La spirale NON è indicata.

Alcune donne manifestano un rifiuto psicologico a questo metodo, correlato alla presenza di un “corpo estraneo” o alla preoccupazione del controllo della posizione dei fili o alla possibilità di espulsione della spirale stessa. In questi casi, potrebbero essere più indicati altri metodi molto efficaci e di lunga durata, come la pillola estroprogestinica e il cerotto a rilascio transdermico.

Non mi piace “maneggiare i miei genitali” per avere una sicurezza contraccettiva

La spirale può NON essere il metodo più indicato per te.

Quasi tutti i dispositivi sono provvisti di uno o due fili di polietilene che sporgono in vagina e  consentono il controllo della corretta posizione (può essere fatto alla fine del ciclo mestruale). La pillola estroprogestinica o il cerotto a rilascio transdermico potrebbero essere più indicati per te, sempre previa visita dal tuo ginecologo: entrambi questi metodi ti garantiscono un’efficacia molto elevata e duratura, senza interferenze sul rapporto e la fertilità futura e senza controlli periodici (in genere alla fine di ogni ciclo mestruale) nell’area genitale.

Non posso assumere contraccettivi orali

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo. Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Altri metodi che potrebbero essere indicati, sono l’anello vaginale, il cerotto a rilascio transdermico, la spirale a rilascio di ormone (IUS), l’impianto sottocutaneo.

Ho il forte sospetto di essere incinta

La spirale è controindicata in modo assoluto.

Se hai già inserito la spirale e hai deciso di continuare la gravidanza, la spirale dovrebbe essere rimossa quanto prima, e comunque entro le prime 12 settimane di gestazione. La rimozione è accompagnata da un rischio di aborto spontaneo, ma molti esperti ritengono che tale rischio possa quadruplicare, se la spirale viene mantenuta nell´utero per tutta la durata della gravidanza.

Ho partorito da poco

La spirale può NON essere indicata.

Non ne è consigliabile l’utilizzo soprattutto nelle prime 4-6 settimane.

L’accordo non è unanime. Secondo alcuni autori, la spirale può – in generale – essere inserita subito, secondo altri è molto meglio aspettare almeno sei settimane o qualsiasi momento successivo alle 6 settimane (periodo in cui l’utero è in involuzione), utilizzando nel frattempo il preservativo.

Ho appena partorito e ho una probabile infezione in corso

La spirale è controindicata in modo assoluto.

Il tuo ginecologo ti consiglierà per il meglio. In genere, il metodo più indicato nel puerperio è il preservativo.

Ho appena partorito e ho problemi emorragici successivi al parto

La spirale è controindicata in modo assoluto.

Il tuo ginecologo ti consiglierà per il meglio. In genere, il metodo più indicato nel puerperio è il preservativo.

Sto allattando mio figlio

La spirale può essere indicata, previo consiglio del tuo ginecologo.

Per la donna che allatta può essere utile anche la pillola a base di solo progestinico a basso dosaggio (nota anche come minipillola), sempre dietro consiglio del proprio ginecologo.

Ho abortito

La spirale può essere indicata, su consiglio del tuo ginecologo.

L’accordo non è unanime sul momento in cui inserire la spirale. Secondo alcuni autori può essere inserita subito. Secondo altre fonti è meglio aspettare alcune settimane, utili per riflettere in modo più lucido e sereno se la spirale rappresenti effettivamente il metodo contraccettivo più indicato alle proprie necessità, salute e stile di vita attuali.

Cerco un metodo che mi protegga dalle MST ma che non sia per bocca

La spirale NON è indicata.

Ne è sconsigliato l’utilizzo in presenza di alto rischio di MST (per es. partner sessuali multipli) o in donne affette da una malattia sessualmente trasmessa. Il preservativo (o altri metodi di barriera) è l’unico metodo contraccettivo che, utilizzato correttamente, è in grado di garantire una buona protezione dalle malattie sessualmente trasmesse. La spirale da sola non protegge contro l´infezione da HIV o altre malattie sessualmente trasmissibili. In caso di rischio di uno dei due partner va sempre usato il profilattico.

Per ragioni mediche non posso assumere ormoni estrogeni, ma desidero utilizzare un contraccettivo ormonale

La spirale è controindicata.

Questo metodo contraccettivo, infatti, non contiene ormoni. Puoi chiedere al tuo ginecologo se per le tue esigenze può essere appropriato l’uso del dispositivo intrauterino a rilascio di ormone (IUS) (in genere levonorgestrel).

Ho già usato una spirale in passato e mi sono trovata benissimo

La spirale può essere indicata.

Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali. Se già usato in passato con successo, non dovrebbero esserci controindicazioni al suo inserimento, se il nuovo partner è sano.

In caso sia a rischio di MST, va sempre usato anche il preservativo, l’unico contraccettivo in grado di offrire una protezione contro le malattie sessualmente trasmesse.

Sono molto distratta, mi dimentico spesso le cose, faccio fatica a seguire un regime di assunzione giornaliera

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo, anche in assenza di figli. Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali. Una volta inserito, se ben tollerato, può rimanere in utero per 5 anni ed essere successivamente sostituito con un nuovo dispositivo. Altri metodi che possono essere indicati, sono l’anello vaginale, il cerotto a rilascio transdermico, la spirale a rilascio di ormone (IUS), l’impianto sottocutaneo.

Ho una infezione da clamidia in atto

La spirale è controindicata in modo assoluto, salvo diversa prescrizione del ginecologo.

Ho avuto un´infezione pelvica (per es. salpingite, endometrite) negli ultimi 3 mesi

La spirale è controindicata in modo assoluto fino alla completa guarigione.

Rivolgiti al tuo ginecologo, che ti potrà consigliare un metodo più adeguato e che ti offra una maggiore serenità d’uso.

Il ginecologo mi ha detto che ho una malformazione/deviazione all´utero

La spirale può essere controindicata.

Il ginecologo valuterà la gravità della malformazione e ti consiglierà, eventualmente, un altro metodo contraccettivo adatto alla tua personale situazione.

Ho un fibroma

La spirale può essere controindicata.

Il ginecologo valuterà le dimensioni e la sede del fibroma e consiglierà, eventualmente, un altro metodo contraccettivo indicato alla tua situazione personale, di salute e di stile di vita.

Ho una predisposizione a formare polipi all´interno dell´utero

La spirale può essere controindicata.

Il ginecologo valuterà e ti consiglierà, eventualmente, un altro metodo contraccettivo indicato alla tua situazione personale, di salute e di stile di vita.

Ho un canale cervicale molto stretto

La spirale può essere controindicata.

Un restringimento del canale cervicale può creare difficoltà nell´inserimento della spirale e nel suo corretto posizionamento.

Il ginecologo valuterà e ti consiglierà, eventualmente, un altro metodo contraccettivo indicato alla tua situazione personale, di salute e di stile di vita.

Ho un´ipersensibilità (o un´allergia) al rame

La spirale IUD è controindicata.

Il dispositivo intrauterino (IUD) contiene, infatti, un sottile filamento di rame, strettamente avvolto all´asta del dispositivo, che potenzia l´effetto meccanico esercitato dalla spirale stessa, agendo come uno “spermicida”. Gli ioni di rame, infatti, una volta liberati nella cavità uterina svolgono un´azione diretta sugli spermatozoi, sia inibendone la motilità sia alterandone la capacità di fecondare l´ovulo. Il ginecologo ti consiglierà un metodo alternativo sulla base delle tue esigenze, la tua salute e il tuo stile di vita. In attesa della visita, puoi navigare nel sito e avere informazioni sugli altri metodi disponibili.

Ho avuto una precedente gravidanza extrauterina

La spirale potrebbe essere controindicata.

Il consenso non è unanime tra gli specialisti. Il tuo ginecologo ti consiglierà per il meglio o ti indicherà un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, alla tua salute e al tuo stile di vita attuale.

Le mie mestruazioni sono molto dolorose

La spirale potrebbe essere controindicata.

La dismenorrea è il dolore che precede ed accompagna la comparsa del flusso mestruale, spesso associato a nausea e/o vomito e altri sintomi. In alcune donne, la spirale IUD tende a peggiorare la dismenorrea, specialmente nei primi mesi dopo l’inserimento. Probabilmente sono più indicati i contraccettivi ormonali, come pillola estroprogestinica, cerotto a rilascio transdermico, anello vaginale. C’è ormai accordo unanime da parte di tutti gli esperti circa la capacità dei contraccettivi ormonali estroprogestinici di annullare, nella quasi totalità dei casi, questo spiacevole disturbo che incide sul benessere e qualità di vita della donna.

Soffro di crampi mestruali che condizionano la qualità della mia vita quotidiana

La spirale IUD può essere controindicata.

Lo IUD non è considerato un metodo appropriato per chi soffre abbastanza regolarmente di crampi mestruali, soprattutto se questi sono così intensi da condizionare la qualità di vita, l’attività fisica giornaliera e richiedono terapie specifiche.

Soffro di menorragia

La spirale IUD al rame può essere controindicata, mentre è indicata la spirale medicata. Chiedi consiglio al tuo ginecologo.

La menorragia è un’alterazione del flusso mestruale che si presenta molto più abbondante della norma (quasi un’emorragia) e/o con durata maggiore di un flusso normale. Spesso è associata a dolore (dismenorrea). La frequenza del ciclo è in genere regolare e tra una mestruazione e l’altra non si presentano perdite ematiche. In certe donne, lo IUD al rame tende a peggiorare la menorragia. I contraccettivi ormonali, compresa la spirale medicata, sono particolarmente indicati perché regolarizzano le alterazioni del ciclo mestruale e vengono spesso prescritti anche a questo scopo.

Soffro di una grave forma di anemia

La spirale IUD al rame può essere controindicata, mentre è indicata la spirale medicata.

Parlane con il tuo ginecologo, l’unico interlocutore che può stabilire se il metodo è realmente controindicato e, quindi, consigliarti un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, la tua salute e il tuo stile di vita.

Soffro di ipertensione

La spirale può essere indicata.

Parlane con il tuo ginecologo che valuterà se le caratteristiche e le misure del tuo utero sono idonei all´inserimento del dispositivo.

Questo metodo assicura un’efficacia molto elevata se applicato correttamente, è rispettoso della fertilità futura della donna, non interferisce con la spontaneità dei rapporti sessuali.

Ho spesso crisi di emicrania

La spirale può essere indicata, dietro consiglio del tuo ginecologo, che attraverso un’accurata visita per valutare lo stato di salute generale ed in particolare dell’utero, potrà confermarti la possibilità di utilizzo del dispositivo.

Sono affetta da endometriosi

La spirale IUD al rame può essere controindicata, mentre potrebbe essere indicata la spirale medicata. Parlane con il tuo ginecologo, l’unico interlocutore che può stabilire se il metodo è realmente controindicato e, quindi, consigliarti un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, la tua salute e il tuo stile di vita.

Ho un diabete scarsamente controllato

La spirale IUD può essere indicata.

Parlane con il tuo ginecologo, l’unico interlocutore che può stabilire se il metodo è realmente controindicato e, quindi, consigliarti un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, la tua salute e il tuo stile di vita.

Ho una cardiopatia valvolare ad alto rischio di endocardite o una storia precedente di endocardite batterica

La spirale IUD può essere controindicata.

Parlane con il tuo ginecologo, l’unico interlocutore che può stabilire se il metodo è realmente controindicato e, quindi, consigliarti un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, la tua salute e il tuo stile di vita.

Ho l’AIDS

La spirale IUD può essere controindicata.

Può essere utilizzata dalle donne che utilizzano la terapia anti-retrovirale

Ho la sclerosi multipla

La spirale può essere indicata.

Chiedi consiglio al tuo ginecologo.

Ho un´emorragia genitale da cause non ancora diagnosticate

La spirale IUD è controindicata in modo assoluto in quanto è necessario prima capire quale sia la causa dell’emorragia

Chiedi consiglio al tuo ginecologo.

Ho un cancro all´utero

La spirale IUD è controindicata in modo assoluto.

Chiedi consiglio al tuo ginecologo

Il medico mi ha prescritto una terapia antiinfiammatoria protratta per lungo tempo

La spirale IUD può essere controindicata.

Parlane con il tuo ginecologo che, se necessario, ti indicherà un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, della tua salute e del tuo attuale stile di vita.

Dovrò seguire una terapia anticoagulante protratta

La spirale IUD può essere controindicata.

Chiedi consiglio al tuo ginecologo che, se necessario, ti indicherà un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, della tua salute e del tuo attuale stile di vita.

Dovrò sottopormi a un ciclo di antibiotici

La spirale IUD può essere controindicata.

Alcuni antibiotici possono ridurre l’efficacia del rame. Chiedi consiglio al tuo ginecologo che, se necessario, ti indicherà un altro metodo contraccettivo sulla base delle tue esigenze, della tua salute e del tuo attuale stile di vita.

Fonti: P. Quartararo, La contraccezione, Cofese Ed, 2005 – Everett S., Handbook of Contraception and Reproductive Sexual Health, Baillière Tindall Ed, 2004 – Association of Reproductive Health Professionals, www.arhp.org – WHO, www.who.int – Society of Obstetricians and Gynaecologists of Canada (SOGC), http://sexualityandu.ca; www.sogc.org – Center for Young Women’s Health (CYWH), www.youngwomenshealth.org – The Info Project, www.infoforhealth.org.

Scheda di approfondimento

La spirale o dispositivo intrauterino o IUD (dall´inglese IntraUterine Device) è un piccolo strumento, di materiale plastico, biologicamente inerte, che inserito all´interno della cavità manifesta il suo effetto contraccettivo. Durante l´applicazione, che va eseguita dal ginecologo, la spirale può subire una deformazione temporanea, riacquistando subito dopo la sua forma primitiva (memoria elastica); ciò ne consente il passaggio nel canale della cervice e, quindi, l´applicazione nell´utero, che va eseguita dal ginecologo di fiducia. Quasi tutti i dispositivi sono provvisti di uno o due fili di polietilene che sporgono in vagina e che sono utili per il controllo regolare della corretta posizione e per l´estrazione della spirale al termine dell´uso.

Efficacia

La spirale è un metodo contraccettivo molto efficace e duraturo.

Il rischio di una gravidanza, che è comunque molto basso, può verificarsi anche in presenza di un dispositivo correttamente posizionato (a contatto cioè del fondo della cavità uterina).

Meccanismo d’azione

La spirale (o IUD) impedisce, per effetto meccanico e chimico, l´annidamento dell´ovulo nell´endometrio.

Allo scopo di potenziare la sua azione contraccettiva, il semplice dispositivo inerte contiene all’interno un sottile filamento di rame. Quest´ultimo, strettamente avvolto all´asta del dispositivo, aumenta l´effetto meccanico esercitato dalla spirale, agendo come uno “spermicida”. Gli ioni di rame, infatti, una volta liberati nella cavità uterina, svolgono un´azione diretta sugli spermatozoi, sia inibendone la motilità sia alterandone la capacità di fecondare l´ovulo.

La presenza di un corpo estraneo induce nell´ utero una reazione simil-infiammatoria, con produzione di cellule (linfociti, macrofagi e altre) e di sostanze prostaglandiniche che rendono difficoltoso l´annidamento e che sono dannose per gli spermatozoi.

Potenziali utilizzatrici

  • Coppie monogame, senza rischi di malattie sessualmente trasmesse.
  • Puerpere.
  • Donne con figli.
  • Donne oltre i 35 anni.
  • Donne che non possono o non vogliono utilizzare la contraccezione ormonale.

Modo d’uso

  • In condizioni normali: subito dopo la fine delle mestruazioni (secondo alcuni terzo/quarto giorno di mestruazioni).
  • Dopo il parto: dopo quattro settimane.
  • Dopo parto con taglio cesareo: dopo almeno quattro settimane, non prima che la cicatrice dell´incisione uterina sia consolidata.
  • Dopo l’aborto: da subito

Inserimento

  • Il dispositivo può essere inserito in qualsiasi giorno del ciclo, ma sarebbe preferibile inserirlo negli ultimi giorni delle mestruazioni o subito dopo. In tale periodo, infatti, il canale cervicale si presenta leggermente dilatato.
  • L´inserimento prevede un´accurata visita ginecologica per valutare l´assenza totale di infiammazioni e infezioni degli organi genitali e per valutare le dimensioni dell´utero e osservarne forma e direzione, elementi utili per scegliere il modello più indicato di IUD.
  • La tecnica di inserimento varia in base al modello, in ogni caso, per essere efficace, lo IUD deve essere posizionato sul fondo (cioè la parte più alta) della cavità uterina.

Vantaggi

  • Garanzia di una contraccezione molto efficace e di lunga durata
  • Efficace subito dopo l´inserimento
  • Rapida reversibilità
  • Nessuna interferenza con i rapporti sessuali
  • Solleva la donna dall’assunzione giornaliera del metodo contraccettivo
  • Valida alternativa per le donne che non possono o non vogliono assumere contraccettivi orali.

Svantaggi

  • Non protegge contro l´infezione da HIV o altre malattie sessualmente trasmissibili. In caso di rischio di uno dei due partner va sempre usato il profilattico.
  • Può aumentare il rischio di infezioni pelviche nei primi giorni dall´inserimento.
  • Può causare sporadiche perdite ematiche o flusso mestruale più abbondante e crampi dolorosi durante il ciclo (sintomi che, tuttavia, tendono a   scomparire dopo 2-3 mesi dall´inserimento).
  • Necessità del ginecologo per l´inserimento e la rimozione. La scelta di adottare una spirale da parte delle donne deve sempre essere avallata dal medico, il quale deve escludere l´esistenza di eventuali controindicazioni che, se non rispettate, possono compromettere la salute e la fertilità futura della donna.
  • Fattori psicologici correlati alla presenza di “un corpo estraneo” o alla preoccupazione del controllo della posizione dei fili o alla possibilità di espulsione.

Controindicazioni

  • Gravidanza.
  • Precedenti gravidanze extrauterine (consenso non unanime tra gli specialisti).
  • Infezioni pelviche (per es. salpingite, endometrite).
  • Gravi malformazioni dell´utero.
  • Fibromi deformanti la cavità uterina.
  • Presenza di polipi all´interno dell´utero.
  • Ipersensibilità o allergia al rame.
  • Tumori all´apparato riproduttivo.
  • Cardiopatie valvolari ad alto rischio di endocardite (infiammazione della membrana che riveste la superficie interna del cuore, denominata endocardio).
  • Emorragie genitali di origine non chiara.

Controindicazioni relative

  • Restringimento del canale cervicale.
  • Puerperio (nelle prime quattro settimane).
  • Frequenti dismenorrea, menorragia, anemia.
  • Terapie anticoagulanti.
  • Terapie antinfiammatorie protratte per lungo tempo.
  • Alcune terapie antibiotiche possono ridurre l´efficacia del rame.
  • Donne affette da malattie sessualmente trasmesse (MST) o ad alto rischio (partner sessuali multipli).
  • Grave anemia.

Le controindicazioni all´uso della spirale sono connesse soprattutto a eventuali alterazioni della cavità uterina e alla presenza o al rischio di sviluppo di infiammazioni e infezioni a carico degli organi genitali interni, che potrebbero interferire con la fertilità futura della donna.

Prescrizione

La spirale deve essere applicata dal ginecologo.

Parlane con il tuo ginecologo: è l´interlocutore più qualificato per suggerirti se la spirale è il metodo più indicato per te.

Il metodo in breve

Tipo di metodo Dispositivo meccanico con filamento di rame
Partner Donna
Via di somministrazione Intrauterina
Meccanismo d´azione
  • Ostacolano la motilità degli spermatozoi
  • Inibiscono la capacità di fecondare
Inserimento Lo IUD va inserito dal ginecologo gli ultimi giorni delle mestruazioni o subito dopo
Durata 3-5 anni
Efficacia contraccettiva MOLTO ELEVATA E DURATURA
Benefici extracontraccettivi No
Reversibilità Rapida
Influenza sulla fertilità futura No
Interferenza con il rapporto sessuale Nessuna
Protezione dalle MST No
Potenziali utilizzatrici
  • Puerpere
  • Donne con figli
  • Donne oltre i 35 anni
  • Donne che non vogliono utilizzare la contraccezione ormonale o altri metodi contraccettivi
Controindicazioni relative
  • Restringimento del canale cervicale
  • Frequenti dismenorrea, menorragia,
  • Terapie anticoagulanti o antinfiammatorie protratte per lungo tempo
  • Alcune terapie antibiotiche possono ridurre l´efficacia del rame
  • Donne affette da MST o ad alto rischio (partner sessuali multipli)
  • Grave anemia
Controindicazioni assolute
  • Gravidanza, precedenti gravidanze extrauterine
  • Infezioni pelviche
  • Gravi malformazioni uterine, fibromi, polipi
  • Ipersensibilità/Allergia al rame
  • Tumori all’apparato genitale
  • Cardiopatie valvolari ad alto rischio di endocardite
  • Emorragie genitali di origine non chiara
Effetti collaterali Possibili nei primi mesi
Prescrizione medica

Ti potrebbe interessare anche

Efficacia

91%

Durata

Ogni giorno

Pillola

Efficacia

82%

Durata

Ogni volta

Preservativo maschile

Efficacia

91%

Durata

Ogni sett.

Cerotto a rilascio transdermico

Efficacia

91%

Durata

Ogni mese

Anello vaginale

Efficacia

99%

Durata

<3-5 anni

Impianto sottocutaneo

Efficacia

94%

Durata

1-3 mesi

Progestinico iniettabile

Efficacia

79%

Durata

Ogni volta

Preservativo femminile

Efficacia

88%

Durata

24 ore

Diaframma vaginale

Efficacia

76%

Durata

Ogni giorno

Metodi naturali

Efficacia

84%

Durata

48 ore

Coppetta cervicale

Efficacia

76%

Durata

30 ore

Spugna contraccettiva

Efficacia

72%

Durata

Ogni volta

Spermicidi

Efficacia

78%

Durata

Ogni volta

Coito interrotto

Efficacia

99%

Durata

Per sempre

Sterilizzazione maschile

Efficacia

99%

Durata

Per sempre

Sterilizzazione femminile

Efficacia

58%

Durata

Quando serve

Contraccezione di emergenza

Vedi tutti i metodi
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK