Lifestyle

La pillola fa ingrassare? Favorisce la cellulite?

Redazione

“Sono soprattutto le ragazze giovani, le adolescenti, a chiedersi – e a chiedere al Ginecologo – se la pillola faccia ingrassare, o se favorisca la cellulite”, sottolinea Giulia Polarolo, Struttura complessa Consultori Familiari città di Torino.

La pillola fa ingrassare? Sfatiamo un falso mito

Molte ragazze non vogliono iniziare ad assumere a pillola proprio per questo motivo. Che la pillola faccia ingrassare è un falso mito. Da tutti gli studi scientifici svolti sulla popolazione femminile è emerso che ci sono donne che, con l’assunzione della pillola, acquistano peso; altre mantengono il proprio peso inalterato, e altre ancora perdono peso!

Quindi, non è la pillola che fa ingrassare! Il fatto è che nell’arco della vita di una donna ci possono essere delle fluttuazioni del peso corporeo. È bene ricordarlo soprattutto alle giovanissime, che facilmente si parlano tra loro, leggono su Internet e sui social, e possono imbattersi facilmente in informazioni non corrette”.

Hai paura di ingrassare con la pillola? Parlane sempre con il Medico

Aggiunge Giulia Mortara, Struttura Complessa Consultori Familiari ASL Città di Torino:  “Il discorso del peso è qualcosa di costante, e dobbiamo sempre tenerne conto. Anche se non viene menzionato esplicitamente durante il colloquio o la visita, per imbarazzo ad esempio, siamo noi Medici a doverlo sempre affrontare e chiarire”.

Ad ogni controllo la donna viene pesata, anche per una questione di salute generale. Avere un riscontro costante, sul peso, possibilmente sulla stessa bilancia, può aiutare ad accompagnare le donne in questo percorso, e quindi a capire che in alcuni casi con l’assunzione della pillola il peso aumenta, in altri è stabili e in altri ancora diminuisce”.

L’educazione peer-counseling: imparare tra coetanee

“Che la pillola non faccia ingrassare è bene rimarcarlo, anche perché siano le donne stesse a farsi promotrici di una corretta informazione. Sicuramente qualcosa che può funzionare più delle parole di noi Operatori Sanitari è la peer-education: è ampiamente documentato in letteratura scientifica il valore della educazione tra i pari. Cosa significa? Avere informazioni da una coetanea, o di qualcuno che ha pochi anni più di me, ma che parla la mia lingua, ha gli stessi canoni di bellezza e lo stesso stile di vita: ebbene, tutto ciò ha un peso ben più importante rispetto a quello che può dire un Ginecologo, che pur se giovane resta sempre “dall’altra parte”, non è un mio pari”, conclude la dr.ssa Mortara.

Guarda l’intervista video

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK