La visita ginecologica

fiogf49gjkf0d

 

La visita ginecologica permette di esaminare gli organi genitali femminili, sia esterni che interni
In genere, non è dolorosa, ma fastidiosa. Va praticata almeno una volta all'anno. Quando vengono utilizzati contraccettivi, può essere necessaria una maggiore frequenza, soprattutto all'inizio. Sarà il ginecologo a dirtelo.
 
La visita è composta da tre momenti salienti:
 
       
  • L’ispezione - È la semplice osservazione dei genitali esterni femminili, per evidenziare eventuali malformazioni o stati infiammatori.
  •    
  • La palpazione - È utile per valutare gli organi interni: utero e ovaie. Il ginecologo introduce il dito indice (o indice più medio) della mano destra in vagina e, con la mano sinistra sull'addome, palpa gli organi per analizzare la loro posizione e il loro volume.
  •    
  • La visita con lo speculum - Consiste nell'introdurre in vagina uno strumento (lo speculum), che consente di visualizzare l'interno della vagina, il collo dell'utero (o cervice uterina) e di effettuare il pap-test (test di prevenzione per i tumori del collo uterino). Lo speculum non viene utilizzato quando non si hanno mai avuto rapporti sessuali.