Il calendario della prevenzione in base all´età 

fiogf49gjkf0d

 

 

15 - 20 anni
 
Attenzione al peso, senza preoccupazioni inutili
 
La prima visita dal ginecologo
  • A questa età sono importanti un’attività fisica o sportiva (almeno 2 volte alla settimana), un'alimentazione sana e un'attenzione al peso, evitando diete drastiche che possono essere particolarmente dannose per uno sviluppo osseo e riproduttivo equilibrato. È stato ampiamente dimostrato, che la perdita ossea in giovane età predispone all’osteoporosi.
  • Quando iniziano le prime esperienze sessuali, è importante una prima visita ginecologica (compresi pap-test e visita del seno), per essere certe che tutto vada bene e, soprattutto, per ricevere un’adeguata informazione sui metodi contraccettivi disponibili, dalla pillola al preservativo.
  • La visita ginecologica andrebbe ripetuta una volta all’anno.
20 - 35 anni
 
Regolari controlli ginecologici
 
Controllo cardiologico per l’attività fisica
  • Controllo regolare del peso: la sua stabilità è indice di buona salute, e dei denti.
  • Visita cardiologica e misurazione della pressione per attività fisica e sportiva
  • Regolari visite ginecologiche, compreso pap-test e controllo del seno. L’autopalpazione è consigliabile ogni 2-3 mesi.
  • Scelta di un adeguato metodo contraccettivo, chesia condiviso dalla coppia.
  • In caso di gravidanza, vanno eseguite una serie di visite ginecologiche, ecografie, e altri esami ematoclinicidi routine.
35 - 50 anni
 
Indispensabile il pap-test annuale
  • Controllo regolare del peso e della pressione arteriosa
  • Visita ginecologica annuale, compreso paptest e visita senologica
  • In genere, in assenza di familiarità per patologia mammaria, viene consigliata una mammografia ai 40 anni, da ripetersi almeno ogni 2 anni; in caso di familiarità il medico può consigliarla prima dei quarant’anni
  • Eventuale tampone vaginale, se consigliato dal medico, per identificare un’eventuale infiammazione che dalla vagina può diffondersi all’utero.
  • Scelta di un metodo contraccettivo adeguato alle proprie esigenze.
  • In caso di gravidanza, vanno eseguite una serie di ecografie, visite ginecologiche mensili, e altri esami ematoclinici e ormonali di routine e speciali. Dopo i 35 anni sono consigliate anche procedure invasive (per es. villocentesi, amniocentesi, etc.) per escludere la diagnosi di per la diagnosi di malattie genetiche e cromosomiche (per es. Sindrome di Down e altre), malattie metaboliche ed infettive.
50 - 65 anni
 
Maggiori controlli; MOC ed ECG
 
  • La menopausa provoca squilibri ormonali e metabolici. Gli esperti consigliano controlli più frequenti di: peso, cuore (non è più protetto dagli estrogeni), pressione arteriosa, profilo di zuccheri e di grassi, denti e vista.
  • Se si fuma (e sarebbe comunque preferibile non fumare), è consigliabile un controllo radiografico del torace.
  • Visite ginecologiche e pap-test annuali.
  • Il medico può consigliare un’ ecografia transvaginale
  • Mammografia almeno ogni 2 anni.
  • Controlli regolari del sangue occulto nelle feci (SO) o rettosigmoidoscopia (da eseguire prima in caso di familiarità per polipi o tumori intestinali).
  • Intorno ai 55-60 anni, è bene eseguire una Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC), la metodica principale per la diagnosi di osteoporosi.
Oltre i 65 anni
 
Più frequenti gli esami ematochimici, il controllo della pressione arteriosa e delle urine
  • Per mantenersi in buona saluteè importante mantenere uno stile di vita sano che preveda una regolare attività psico-fisica e un’ alimentazione equilibrata.
  • Il pap-test può essere eseguito ogni 2-5 anni.
  • La mammografia ogni 2 anni.
  • Il controllo del sangue occulto nelle feci va eseguito almeno una volta all’anno.
  • Controlli regolari e più frequenti di: peso, pressione arteriosa, profilo di zuccheri e grassi, urine.
  • MOC almeno ogni 3 anni.