La pediculosi pubica (piattole)

fiogf49gjkf0d
           
 
           
                       
Altre denominazioni
                       
                       
Piattole, pidocchi del pube.
                       
                       
Il tipo di infezione
                       
                       
Infezione da insetti (artropodi), parassiti esterni
                       
                               
  • Il parassita (Pthirus pubis) è un piccolo insetto senza ali, dalla forma schiacciata (da qui il nome piattola) visibile con una lente di ingrandimento. L'insetto è dotato di zampette uncinate che si ancorano a peli.
  •                            
  • I pidocchi del pube si nutrono perforando la cute con la bocca e succhiando sangue. Attaccano le loro uova (chiamate lendini) molto saldamente alla radice dei peli pubici o di altre zone del corpo e depositano un liquido che causa intenso prurito. Le lendini sono opalescenti, di forma allungata di circa 1 mm.
  •                            
  • Vivono quasi esclusivamente sul corpo umano perché non possono resistere a lungo lontano dall'ospite.
  •                            
  • La femmina del pidocchio vive 3 settimane e depone circa 300 uova, che maturano e si schiudono in 7 giorni, alla temperatura ottimale di 32° C.
  •                            
  • La pediculosi non fa distinzioni tra classi sociali o tra persone che hanno più o meno cura della propria igiene. I pidocchi del pube non sono veicoli di malattie gravi.
  •                        
                       
                       
Il contagio
                       
                       
Il contagio può avvenire attraverso:
                       
                               
  • Contatto sessuale
  •                            
  • Contatto fisico stretto
  •                        
                       
Scambio di biancheria intima, biancheria da bagno, uso di sanitari e strumenti igienici infetti etc.
                       
 
                       
                       
I segni di allarme
                       
 
                       
                       
Intenso prurito nella zona pubica, ai genitali esterni e al pube, o in altre zone pelose del corpo, dove il parassita può diffondere (per es. ascelle, barba, ciglia, sopracciglia).
                       
 
                       
                       
La diagnosi
                       
                       
Può essere fatta facilmente con la ricerca ad occhio nudo o con una lente di ingrandimento degli insetti e delle uova annidati nei peli del pube.
                       
 
                       
                       
La prevenzione
                       
                       
Nessun prodotto ha un effetto preventivo, per cui non si può escludere una successiva reinfestazione. Per prevenirla è importante evitare lo scambio di biancheria intima, da bagno o da letto ed un periodico controllo dei peli pubici e delle ascelle con una lente e con un pettine a denti stretti.
                       
 
                       
                       
Il trattamento
                       
                       
Il trattamento di scelta, che deve essere seguito da tutti i partner coinvolti, è un antiparassitario per uso locale (polvere, shampoo, creme etc) che va consigliato dal medico. Va evitato il contatto con le mucose e con gli occhi. Dopo l’uso sono possibili reazioni cutanee locali.
                       
Altre importanti precauzioni sono:
                       
                               
  • Lavaggio di abiti e biancheria intima, da bagno e da letto in acqua bollente.
  •                            
  • Controllo attento e quotidiano (con lente di ingrandimento e con pettine a denti stretti) della zona pubica e delle ascelle per asportare gli insetti morti e sfilare le uova prima che si schiudano.
  •                            
  • L’aceto, grazie al pH acido, discioglie la sostanza adesiva che fissa le lendini ai peli e, quindi, ne facilita la sfilatura.
  •                            
  • Eventuale rasatura dei peli.
  •                        
                       
 
                       
                       
La prognosi
                       
                       
                               
  • La risoluzione è piuttosto rapida se il trattamento è tempestivo e seguito scrupolosamente da tutti i partner.
  •                        
                       
 
                       
                       
Le complicazioni che possono insorgere se la malattia non viene curata
                       
                       
I pidocchi possono diffondere dall’area del pube ad altre zone pelose, come le ascelle o la barba, causando irritazione, lesioni e infezioni secondarie.