Clamidia

fiogf49gjkf0d
 
 
 
Il tipo di infezione
 
 
 
Infezione batterica
 
     
  • Sono causate da batteri del genere  Clamidia, della specie Clamidia trachomatis.
  •  
  • È una delle più frequenti MST  soprattutto tra gli adolescenti.
  •  
  • I portatori sani  sono molto numerosi. 
  •  
 
 
 
Il contagio
 
 
 
     
  • Qualsiasi persona sessualmente  attiva può essere contagiata. Maggiore è il numero di partner sessuali,  maggiore è il rischio di contagio.
  •  
  • Le adolescenti sono particolarmente  a rischio di contagio anche per l'immaturità del tessuto dellacervice che è più fragile e delicato  rispetto a quello della donna adulta.
  •  
  • La clamidia può essere trasmessa  durante contatti/rapporti sessuali per via vaginale, orale o anale con  uno o più partner infetti.
  •  
  • Durante la  gravidanza, una mamma può contagiare il neonato durante il parto  naturale.
  •  
 
 
 
I fattori di rischio
 
 
 
     
  • Rapporti sessuali non protetti.
  •  
  • Rapporti sessuali con più partner.
  •  
  • Rapporti  sessuali con un partner che ha rapporti sessuali multipli con partner  diversi.
  •  
 
 
 
I segni di allarme
 
 
                               
 
Donna
 
     
  • Il batterio infetta prima la cervice  e l'uretra  , successivamente può  diffondersi alle tube di Falloppio  o al retto.
  •  
  • Molto spesso può decorrere  asintomatica, in modo subdolo e ugualmente pericoloso
  •  
  • Sintomi più frequenti (entro 1-3 settimane dal rapporto a rischio)
     Rapporto per via vaginale  
     Perdite biancastre o giallastre piuttosto abbondanti e anomale.
  •  
  • Sensazione di bruciore  nell'urinare.
  •  
  • Infezioni urinarie discrete.
  •  
  • Dolore al basso addome.
  •  
  • Lieve dolore alla schiena.
  •  
  • Dolore durante i rapporti sessuali
  •  
  • Perdite di sangue tra una  mestruazione e l'altra.
  •  
  • Nausea, febbre.
  •  
 
Rapporto per via anale
 
     
  • Dolore, perdite o sanguinamenti  dal retto.
  •  
 
Rapporto per via orale
 
     
  • Dolore e bruciore alla gola.
  •  
 
Uomo
 
     
  • Spesso può decorrere asintomatica,  in modo subdolo e ugualmente pericoloso.
  •  
  • Sintomi più frequenti (entro 1-3 settimane dal rapporto a rischio)
  •  
  • Prurito a livello dell' uretra.
  •  
  • Leggero bruciore nell'urinare.
  •  
  • Perdite chiare e molto discrete  sulla punta del glande  .
  •  
 
 
 
 
 
 
 
La diagnosi
 
 
 
     
  • Viene fatta  attraverso test di laboratorio, alcuni sull'urine, altri su campioni  raccolti direttamente dal sito dell'infezione, per esempio la cervice o  il pene.
  •  
 
 
 
La prevenzione
 
 
 
     
  • Il modo più sicuro per evitare il  contagio di una MST, incluso l'HIV, è l'astinenza dai rapporti sessuali  per via vaginale, orale o anale, o mantenersi per un lungo periodo di  tempo strettamente e reciprocamente monogamici, cioè avere rapporti con  un solo partner, chiaramente non infetto.
  •  
  • Il profilattico, se usato  regolarmente e in modo corretto, può ridurre notevolmente il rischio di  trasmissione della clamidia, ma non protegge al 100%.
  •  
  • In caso di dubbio dopo un rapporto  occasionale, o di insorgenza di uno dei sintomi elencati sopra, è utile  evitare contatti e rapporti sessuali e rivolgersi tempestivamente al  ginecologo o al proprio medico curante per una diagnosi certa.
  •  
  • Dopo una diagnosi di clamidia, è  doveroso avvisare tutti i partner sessuali recenti in modo che possano  anche loro rivolgersi al proprio medico e seguire una cura. Questo  comportamento oltre a essere sinonimo di maturità consente di ridurre il  rischio di diffusione della malattia o di sviluppo di gravi  complicazioni.
  •  
  • Valgono tutte le  norme di igiene comportamentale di base esposte nella parte generale relativa alle MST.
  •  
 
 
 
Il trattamento
 
 
 
     
  • La Clamidia può essere facilmente  trattata e curata con antibiotici. Durante il trattamento è  raccomandabile l'astensione dai rapporti sessuali per evitare il rischio  di reinfezione che, a sua volta, aumenta il rischio di serie complicanze  all&'apparato riproduttivo.
  •  
  • Dopo 3-4 mesi  dalla fine del trattamento è consigliabile un controllo, soprattutto per  le adolescenti e soprattutto se la donna non è certa che il partner  abbia seguito la cura. 
  •  
 
 
 
La prognosi
 
 
 
     
  • Con gli  antibiotici si guarisce nella maggior parte dei casi, a patto che si  curino entrambi i partner (se sono più di uno, tutti i partner  coinvolti).
  •  
 
 
 
Le complicazioni che possono insorgere se la malattia non viene curata.
 
 
 
Anche le complicazioni, come i sintomi possono decorrere in modo subdolo e silente.
                                               
 
Donna
 
     
  • Infezioni delle Tube di Falloppio  molto frequenti nelle giovani e particolarmente pericolose in quanto  sono quasi sempre molto discrete con pochi sintomi o senza sintomi.
  •  
 
     
  • Malattia Infiammatoria  Pelvica (PID  da Pelvic inflammatory disease  ), una grave malattia che può causare danni permanenti e che  rappresenta una delle maggiori cause di sterilità femminile.
  •  
 
     
  • Congiuntivite.
  •  
 
 Le donne con infezione da Clamidia sono cinque volte più a rischio di contagio di HIV, esposte al virus.
 
Gravidanza
 
     
  • Gravidanza ectopica (impianto  dell'ovulo al di fuori dell'utero).
  •  
  • Parto prematuro.
  •  
 
Neonato
 
     
  • Infezioni della congiuntiva.
  •  
  • Polmonite.
  •  
 
Uomo
 
     
  • Le complicazioni nell'uomo sono  più rare. L'infezione dall'uretra, spesso si diffonde all'epididimo  causando dolore, febbre e, raramente, sterilità.
  •  
  • Raramente, si osserva artrite che  può essere accompagnata da lesioni cutanee e infiammazione dell'occhio  e della congiuntiva (Sindrome di Reiter).
  •