Le Malattie a Trasmissione Sessuale (MST)

fiogf49gjkf0d

 

Le Malattie Sessualmente Trasmesse, dette MST, sono infezioni molto diffuse, alcune banali, altre molto più gravi, che è indispensabile conoscere per potersi difendere adeguatamente in ogni circostanza.
 
Il contagio avviene attraverso i rapporti sessuali (per alcune non solo, per altre esclusivamente) ed è provocato da batteri, come nel caso della sifilide e della gonorrea, da parassiti, come il Trichomonas, da funghi come la Candida o da virus, come nel caso dell’Herpes, genitale o labiale. 
 
Malgrado i successi raggiunti dalla medicina, in particolare per la sifilide che, nei secoli scorsi, fu un vero e proprio flagello, queste malattie sono lontane dall’essere debellate del tutto, anzi, per alcune si constata perfino un aumento, sia per la progressiva resistenza acquisita dai batteri nei confronti degli antibiotici sia per la maggiore libertà sessuale non sostenuta da una corretta prevenzione.
 
Se hai un dubbio su una di queste malattie, parlane con il tuo medico, o il ginecologo oppure chiama o vai al consultorio più vicino alla tua zona.
 
Le malattie sessualmente trasmesse (MST) sono tra le infezioni più frequenti, diffuse e in aumento in tutto il mondo. Non è un problema che riguarda soltanto i paesi in via di sviluppo, come molti credono, ma che tocca anche il mondo industrializzato.
 
È stato calcolato, per esempio, che soltanto negli USA ogni anno si osservano più di 15 milioni di nuovi casi di malattie a trasmissine sessuale.
 
Anche escludendo l'HIV/AIDS, i dati di incidenza rimangono elevati.
 
Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, vi sono 330 milioni di nuovi casi ogni anno in tutto il mondo e le malattie che colpiscono di più sono la tricomoniasi, la clamidia, la gonorrea e la sifilide.
 
L'incidenza nei paesi europei è nettamente inferiore rispetto agli Stati Uniti, ma le infezioni sessualmente trasmesse sono comunque in aumento anche da noi, soprattutto tra i giovani.
 
Le MST possono colpire sia uomini che donne, di tutti gli strati sociali e di tutti i livelli economici. Tuttavia, tendono ad essere più frequenti nel sesso femminile, tra gli adolescenti e i giovani adulti. Circa i due terzi di tutte le MST si presentano in persone al di sotto dei 25 anni.
 
Tra le giovanissime, il maggior rischio ha anche basi fisiologiche, sia ormonali sia dovute ad una maggiore fragilità del tessuto che riveste il collo dell'utero (epitelio colonnare) nei confronti dei germi aggressori rispetto al tessuto presente in età adulta (epitelio squamoso), che risulta più resistente e meno permeabile ai microrganismi.
 
I rapporti sessuali a rischio sono uno dei maggiori veicoli per il contagio di MST.