Intervista all´esperto: I rischi dell´estate

fiogf49gjkf0d

Voglia d'estate, voglia di trasgressione e divertimenti: ma attenzione!
I rapporti occasionali non protetti possono essere veicoli di infezioni genitali, anche gravi, che potrebbero, a lungo andare, compromettere la fertilità. A mettere in guardia da questo rischio è la professoressa Rossella Nappi, responsabile del Centro di Endocrinologia ginecologica della Fondazione Maugeri-Università di Pavia


Quali sono le infezioni genitali più frequenti in estate?
"Sicuramente le vaginiti da Candida, un fungo che risente del caldo e dell'umidità, ma anche dei cambiamenti di abitudini, soprattutto alimentari. E' infatti presente nell'intestino e il cambiamento delle abitudini alimentari può alterarne il ciclo riproduttivo: il fungo si riproduce più rapidamente e si diffonde anche all'apparato genitale, provocando le fastidiose Candidosi. Per questo la prevenzione andrebbe fatta anche a livello intestinale, con l'assunzione di probiotici per riequilibrare la flora batterica. Un'altra infezione che si accentua con il caldo-umido è l'Herpes simplex, come pure il Trichomonas e la Clamidia, più gravi,che, a lungo andare,possono compromettere la fertilità". Quali accorgimenti consigliare per prevenire tali infezioni? "Innanzitutto mantenere una corretta igiene, evitando ambienti poco puliti. Non consumare alimenti crudi o igienicamente poco affidabili che potrebbero alterare la flora batterica intestinale, soprattutto durante i viaggi esotici. Non indossare abbigliamento intimo sintetico ed evitare di tenere per lungo tempo il costume bagnato, ricettacolo di funghi e batteri. Durante i rapporti, sessuali, soprattutto se occasionali, utilizzare sempre il preservativo".


L'assunzione della pillola contraccettiva potrebbe interferire con queste infezioni?
"La sospensione ormonale di qualche giorno della pillola (21 o 24 compresse) prima della mestruazione, potrebbe rendere l'apparato genitale più vulnerabile alle infezioni. Per questo in estate si consigliano le pillole tradizionali (21 giorni) in modo continuativo, evitando così anche il disagio della mestruazione che in estate non sempre è ben accetta. Quanto più è breve il periodo di sospensione degli ormoni, tanto maggiore è la protezione dalle infezioni".


Ci sono farmaci che potrebbero accentuare il rischio di infezioni genitali?
"Sicuramente gli antibiotici possono peggiorare la flora batterica intestinale e abbassare le difese immunitarie. E durante l'estate, a causa della maggiore diffusione di gastroenteriti e cistiti, si ricorre con molta leggerezza a questi farmaci che hanno come effetto collaterale un aumentato rischio di infezioni genitali".
A cura di Paola Trombetta