Calo del desiderio

fiogf49gjkf0d

 

Il 60% delle volte in cui le coppie si rivolgono al sessuologo è a causa del calo di desiderio.
 
… Non lo facciamo più da tempo, non ne ha voglia, ci dimentichiamo, me lo dico e poi mi dimentico, vorremmo farlo, ma poi non ci riusciamo …”.
 
 “ Sì, lo facciamo qualche volta, quando possiamo."
 
Secondo le statistiche, 7 coppie su 10 si lasciano travolgere dalla vita cittadina, dai doveri familiari, dalle responsabilità, concedendo solo i ritagli di tempo e di forza fisica per stare soli in intimità.
 
Motivazioni non confutabili, ma bastano?
Non sempre. Se è verosimile che un rapporto avviato lasci cadere piccoli cerimoniali, tipici dell'innamoramento, d'altra parte la coppia può condividere nuovi rituali dell'eccitazione, dei preliminari, del "farsi belli" per piacere all'altro.
Basta non lasciare cadere la sensazione di piacersi e di cercarsi, di ritrovarsi insieme, per un piacere fisico ed emotivo a due, al di là del dovere discutere della nota del figlio a scuola o dello stipendio che non basta. Il che implica una netta separazione fra il ruolo genitoriale e il ruolo della coppia adulta.
 
E ancora
I sessuologi consigliano di adottare una separazione esclusiva fra le necessità individuali (che possono essere appagate dal lavoro, un figlio, lo sport, gli amici) e le necessità di coppia, affettive, di complicità, progettualità, di evasione, trasgressione, sogno e magia.
 
E c'è di più
Ogni coppia si unisce per una o più motivazioni: scoprire la libertà dai genitori, superare il fallimento di una precedente storia, per un sogno romantico. Non sempre le finalità resistono per il tempo dei nostri desideri.
Per cui i contratti di coppia si rinnovano nel tempo, per nostra volontà o per diversa maturità della coppia o di un singolo partner.
Il desiderio segue quindi questo processo. Sicché, quando la coppia rimanda la voglia di cercarsi e di piacersi, il più delle volte è perché è in cerca di un nuovo equilibrio. In cui il desiderio però richiede un ruolo rinnovato, riveduto, corretto. O soltanto replicato con una recente euforia.