E se poi capita. . . rideteci su!

fiogf49gjkf0d

Esistono situazioni magari imbarazzanti o deludenti che vanno però “messe nel conto” per evitare di drammatizzare episodi del tutto normali che senz’altro scompariranno con la pratica o l’esperienza.

 

Abbiamo già visto che solo poche fortunate riusciranno a raggiungere l’orgasmo la “prima volta” ma questo non significa tu sia poco sensuale (assolutamente no!) né “sbagliata”. Né, tantomeno, che il tuo partner sia incapace o inadatto fisicamente (le dimensioni sono una delle più frequenti paure maschili). L’orgasmo è un’alchimia a due che dipende da molti fattori (esperienza, complicità, sentimento, stato d’animo, ecc.): vedrai che presto succederà anche a te!

 

Talvolta può capitare che il rapporto risulti estremamente difficoltoso o impossibile: se sei alla prima esperienza può trattarsi di una risposta del tuo corpo alla paura della penetrazione. Magari non eri proprio pronta, oppure non sei riuscita a rilassarti nel modo giusto. Non ti devi allarmare, non è detto che si verifichi di nuovo. E, se ricapita, l’aiuto di un ginecologo esperto ti aiuterà a superare il problema.

 

La disfunzione erettile (incapacità di raggiungere l’erezione) può dipendere dall’ansia del rapporto sessuale così come l’eiaculazione precoce, un problema molto diffuso, non solo fra i più giovani. Questi disturbi riflettono da un lato il timore di non piacere, di non essere all’altezza. Dall’altro, sono frutto di una naturale agitazione e dell’inesperienza. Non dipendono dalla bellezza di lei, dalla sua capacità di provare (o manifestare) piacere, né da come siete fatti fisicamente. Datevi tempo: in questi casi la cosa migliore è non mettervi fretta, trasmettere sicurezza, far sentire il partner accettato. Con un po’ di pratica e fiducia nell’altro il problema scomparirà.

 

Consiglio: in ogni caso… non prendetevi troppo sul serio. L’allegria, la voglia di scherzare insieme, di prendersi in giro e la capacità di sdrammatizzare alimentano la complicità e fanno crescere l’amore e la coppia.