Le zone erogene

fiogf49gjkf0d

Vengono definite zone erogene le parti del corpo che  producono sensazioni particolarmente sensuali ed eccitanti se  stimolate nel modo giusto, attraverso baci e carezze. Sono diverse,  per uomo e donna e per ciascuno di noi. Includono i genitali ma anche  i capezzoli, l’ombelico, il collo, le orecchie, ecc. Molte sono  legate all’esperienza ed alle preferenze individuali: più aumenta  la confidenza e la complicità reciproca più si riesce a comprendere  come dare piacere al proprio partner.

 

Ogni persona ha una diversa risposta sessuale.  Ricorda che ciò che piace a te non necessariamente vale per gli  altri. È importante riuscire a parlare e ad esprimere i propri  bisogni, saper dire no e non provare vergogna o imbarazzo nel  dichiarare apertamente al nostro partner se un suo comportamento ci  va oppure o no.

 

La “prima volta” rappresenta sempre un’incognita,  per tutto nella vita: ricordi quanta paura il primo compito in  classe? E com’eri imbranata la prima partita a tennis…
Con l’esperienza si migliora, si diventa più  consapevoli e padroni della situazione. Lo stesso vale per l’amore.

 

“Tanto la prima volta non si può rimanere  incinta…”: nulla di più sbagliato! La possibilità di una  gravidanza è implicita nel fare l’amore, salvo che non ci si protegga con strumenti appropriati ed  efficaci. La scelta contraccettiva è molto importante perché da  questa dipendono la tua serenità e la salute riproduttiva.

 

Consiglio: ciascuno dei due partner si deve  assumere la responsabilità della protezione e del rispetto di sé e  dell’altro. Questo si traduce nell’uso di una doppia barriera:  pillola e preservativo.