E se rimango incinta?

fiogf49gjkf0d

 

Nei primi giorni di gravidanza la vita germoglia in cellule più piccole di una capocchia di spillo. Tutto si svolge su scala microscopica, per cui è difficile rendersi conto di essere rimasta incinta.
 
Il segno più evidente di una possibile gravidanza è un ritardo delle mestruazioni che, tuttavia, potrebbe dipendere da altre cause, per esempio un periodo di stress molto intenso.
 
In caso di ritardo mestruale, accompagnato da uno o più segni indicativi tra quelli elencati sotto è sempre meglio eseguire un test di gravidanza.
 
Segni indicativi di gravidanza:
       
  • Assenza di mestruazioni.
  •    
  • Frequente stimolo a fare la pipì.
  •    
  • Odori/sapori abituali che diventano sgradevoli.
  •    
  • Desiderio spasmodico di un determinato alimento (voglie).
  •    
  • Nausea e vomito, più frequenti al mattino, ma possono sorgere in      qualsiasi momento della giornata.
  •    
  • Mammelle gonfie, dolenti e con ingrossamento dei capezzoli.
  •    
  • Stanchezza generale.
  •    
  • Sonnolenza.
  •    
  • Sbalzi d'umore.
  •    
  • Stitichezza.
Che cosa fare se il test è positivo?
Per prima cosa: non temere di chiedere consiglio.
Se il test di gravidanza è positivo, è necessario prendere delle decisioni nel minor tempo possibile. Per farlo è necessario parlare con una persona di cui ci si fida e farsi aiutare. Non si deve cercare qualcuno che dica cosa fare, ma qualcuno che aiuti a capire che cosa si vuole realmente fare, senza giudicare.
Sei tu che dovrai decidere che cosa fare, se tenere o meno il bambino, ma per farlo devi avere la possibilità di rifletterci il più serenamente possibile, confrontandoti anche con il padre del bambino e con i vostri genitori.
 
Tenere o non tenere il bambino?

Una scelta strettamente personale su cui devi riflettere molto bene. Le scelte sono solo due: abortire o tenere il bambino. Puoi anche decidere di dare il bambino in adozione.
Ognuna di queste scelte comporta delle responsabilità e  va meditata molto bene, manon puoi farlo da sola. Cerca l'appoggio dei tuoi genitori, di un adulto di cui ti fidi e coinvolgi in questa tua scelta il tuo compagno.