TUTTI I SEGRETI PER UNA BELLEZZA SENZA RISCHI PER LA TUA SALUTE

“Chi bella vuole apparire un può deve soffrire” dice il famoso proverbio. Va bene però presta sempre molta attenzione al tuo benessere. Ecco qualche esempio:

  • Tatuaggi: il potenziale di reazioni allergiche derivante dai tatuaggi è così grande che chiunque soffra di allergie dovrebbe pensarci a lungo prima di sottoporvisi. Tra i rischi più comuni ci sono l’epatite e le infezioni da stafilococco e streptococco. Se vuoi un tatuaggio è importante assicurarsi che la persona che lo realizza abbia tutte le autorizzazioni e certificazioni previste, meglio ancora consultare preventivamente un medico. Attenzione anche alle colorazioni: il pigmento giallo, per esempio, reagisce al sole e può provocare bolle abbastanza gravi da lasciare cicatrici profonde.
  • Piercing: questa moda nasconde una serie di rischi da molti ignorati. Il piercing in sé non è pericoloso, ma è bene rivolgersi a un serio specialista dotato di apparecchiature igienizzate ed evitare le parti del corpo particolarmente delicate. Per esempio, alcuni “piercer” non utilizzano strumenti adeguatamente sterilizzati o monouso, co-me previsto dalla legge. L’inosservanza delle regole rischia di portare alla trasmissione del virus dell’HIV, dell’epatite, del papillomavirus e anche del tetano. 
  • Tacchi alti: la scarpa è un compromesso tra l’esigenza di proteggere il piede e il desiderio di assecondare canoni estetici. Tuttavia, se quella ideale non esiste, si dovrebbe tentare almeno di evitare gli eccessi. Tra questi ci sono le calzature con il tacco vertiginoso, dannoso all’appoggio plantare, allo schema del passo e alla postura. La metatarsalgia è il primo effetto scatenato dalle scarpe con tacco alto, specie se la punta della calzatura è stretta. Si tratta di un’infiammazione dolorosa che colpisce l’avampiede sotto l’attaccatura delle dita. Non solo: il peso che grava sulle dita accelera la predisposizione individuale a sviluppare l’alluce valgo e le dita deformate a martello. Disturbi che suggeriscono di limitare l’uso degli stiletto a poche occasioni, nonché di scegliere con attenzione le calzature prima di acquistarle.
  • Abbigliamento aderente: indumenti troppo aderenti come pantaloni, calze e cinture possono costituire un rischio per la nostra salute: possono rallentare la circo-lazione sanguigna e favorire l’aumento della cellulite e l’insorgenza di vene varicose. Inoltre, trattengono umidità e calore, condizioni favorevoli allo sviluppo di microrganismi dannosi.  È bene scegliere con attenzione anche i tessuti a contatto con la pelle: le fibre sintetiche sono spesso causa di irritazioni locali e prurito che possono sfociare in infezioni. Meglio utilizzare fibre naturali come il cotone, che sono più traspiranti.
  • Lampade solari: un errore molto diffuso è credere che alcune sedute di solarium possano essere un alleato per preparare la pelle all’esposizione al sole. Non è così, anzi. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) hanno addirittura innalzato il livello di rischio delle apparecchiature UV. Le lampade abbronzanti sono infatti considerate “cancerogene per l’uomo” al pari delle sigarette! Questa abitudine inoltre è tanto più pericolosa se inizia da giovani. Lettini e docce, quindi, oltre a innalzare il rischio di melanoma danneggiano il sistema immunitario, gli occhi e accelerano l’invecchiamento.