INTERVISTA A PAOLO SCOLLO PAST PRESIDENT NAZIONALE SIGO

Prof. Scollo come affrontano la prima volta i giovani italiani?

Ancora troppi adolescenti vivono le prime esperienze sessuali non sempre in modo corretto e responsabile. Il 42% per esempio non utilizza nessuno metodo contraccettivo o preferisce affidarsi al coito interrotto. Questo però comporta un rischio del 22% di rimanere incinta. E poi ci sono le malattie sessualmente trasmesse che sono in aumento in tutta Europa e anche in Italia.

Perché è così importante la contraccezione?

Perché permette di vivere la propria sessualità e affettività in maniera libera e consapevole. La scelta del contraccettivo è fondamentale e può risultare difficile perché i metodi disponibili sono numerosi. Ognuno possiede delle caratteristiche specifiche. Secondo una recente indagine il 62% delle italiane cambierebbe il proprio sistema chiedendo consiglio al ginecologo, il migliore alleato del benessere femminile.

Le donne di origine straniera vengono regolarmente nei vostri ambulatori?

Sì ma non abbastanza. L’80% delle straniere residenti in Italia non è mai andata dallo specialista. Mentre “solo” il 30% delle loro coetanee italiane ha fatto altrettanto. Comportamenti sessuali pericolosi e mancato utilizzo di contraccettivi sono due fenomeni molto diffusi che devono però essere al più presto contrastati. Infatti nel nostro Paese un’interruzione volontaria di gravidanza su tre è praticata da una straniera.

Questa latitanza è causata dalle differenze culturali?

Il primo problema è sicuramente la lingua. Il 13% degli stranieri afferma di avere difficoltà nello spiegare correttamente in italiano i propri disturbi ad un medico. Per avvicinare a noi questi strati della popolazione dobbiamo puntare sulle “seconde e terze generazioni” di immigrati. Sono cittadini a tutti gli effetti nati e cresciuti nel nostro Paese e che parlano correttamente la nostra lingua.

Chi non si rivolge ad uno specialista spesso cerca informazioni su internet?

Si calcola che oltre 11 milioni e mezzo di nostri connazionali utilizzano il web per cercare notizie relative al benessere e anche su temi estremamente delicati come sessualità, affettività e contraccezione -. Un adolescente su tre si connette al web per capirne di più ma non sempre trova notizie corrette o valide scientificamente. Per assistere gli internauti, sul nostro portale Scegli Tu, offriamo il servizio Chiedi al Gine dove i nostri esperti rispondono 7 giorni su 7 alle domande dei ragazzi.