Cos´è la sterilizzazione maschile

fiogf49gjkf0d

 

La sterilizzazione dell'uomo (vasectomia) prevede la legatura o l'interruzione dei dotti deferenti, i canali che consentono il trasporto degli spermatozoi dai testicoli alle vescicole seminali.
 
In questo modo lo sperma non può essere eiaculato. Si tratta di un intervento semplice, senza grandi rischi operatori, generalmente eseguito in ambulatorio, in anestesia locale.
 
Dopo l'intervento è necessario aspettare un periodo di latenza di almeno 3 mesi, indispensabile perché gli spermatozoi scompaiano completamente (azoospermia).
 
Se si riprendono i rapporti sessuali, non prima comunque di una settimana dall'intervento, è importante utilizzare temporaneamente un altro metodo contraccettivo (come il preservativo).
 
La sterilizzazione non interferisce sulla virilità, la libido o le capacità di erezione dell'uomo.
 
La sterilizzazione maschile va considerata un metodo altamente irreversibile, in quanto anche eventuali tentativi di ricanalizzazione dei dotti deferenti, tramite microchirurgia, non garantiscono un ritorno alla piena fertilità.
 
È controindicata in presenza di disabilità fisica e psichica grave, problemi urologici, indecisione o difficoltà di rapporti tra i partner.