Lo sapevi che. . .

fiogf49gjkf0d

 

Gli estrogeni rappresentano gli ormoni femminili, per eccellenza
Gli estrogeni vengono prodotti principalmente dalle ovaie, soprattutto nella prima fase del ciclo mestruale (fase follicolare o proliferativa) e in minima parte anche dalle ghiandole surrenali. Gli estrogeni che si ritrovano con maggiore frequenza nella donna sono l'estradiolo e l'estrone.
Gli estrogeni sono ormoni, ovvero sostanze che una volta prodotte, passano nel circolo sanguigno e svolgono una o più azioni su organi lontani, definiti organi bersaglio. Ovaie, utero e mammella, che giocano ruoli fondamentali nella riproduzione sessuale, sono tre dei principali organi bersaglio degli estrogeni. Questi ormoni agiscono anche su cute ed annessi cutanei, cervello, ossa, fegato, cuore e circolazione, svolgendo e regolando innumerevoli processi.
 
Il progestinico naturale è il progesterone
Il progesterone è, insieme agli estrogeni, uno dei principali ormoni sessuali femminili.
Durante ogni ciclo mestruale, il progesterone viene prodotto dall'ovaio in minime quantità durante la prima parte del ciclo fino all'ovulazione dopodiché, in seguito alla stimolazione dell'ormone ipofisario LH (dall'inglese Luteinizing Hormone) il corpo luteo che si è formato nell'ovaio ne produce quantità elevate per preparare l'endometrio (la mucosa uterina) ad accogliere e nutrire l'ovulo fecondato.
Durante la gravidanza il progesterone continua ad essere prodotto in quantità elevate dalla placenta.
Questo ormone entra in gioco, insieme agli estrogeni, nella regolazione di pressoché tutte le funzioni dell'apparato riproduttivo femminile. Oltre alla funzione principale sull'endometrio, provoca modificazione dell'epitelio vaginale e interviene nello sviluppo delle ghiandole mammarie.
 
Anche gli uomini producono progesterone ed estrogeni
È il testicolo a produrli, anche se in minime quantità.
 
Nel 1923, Allen e Daisy estrassero il primo ormone ovarico, l'estrogeno...
... A cui seguì, nel 1928, l'estrazione del progesterone da parte di Corner e dei suoi collaboratori. Fu merito di alcune importanti aziende farmaceutiche europee (Germania, Svizzera e Olanda), la realizzazione della sintesi, a partire dal colesterolo, del progesterone e del testosterone; un estrogeno sintetico fu, invece, prodotto da Cooke, nel 1933.
 
Nel 1933, viene sintetizzato l'etinilestradiolo...
... Un estrogeno prodotto nei laboratori tedeschi della Schering di Berlino che viene tuttora ampiamente utilizzato senza modifiche grazie alla sua notevole attività per via orale. E' del 1951 la sintesi, da parte di C. Djerassi, del primo progestinico attivo per via orale: l'etisterone, prodotto su scala industriale.
 
Nel 1960 inizia l'era della contraccezione orale...
... Grazie alle sperimentazioni cliniche di Pincus G., Rock J e Garcia R per il controllo delle nascite a Portorico.
 
La pillola ha subito da allora una notevole evoluzione...
... Mirata soprattutto a migliorarne il profilo di tollerabilità clinica, e dunque l'accettabilità da parte delle donne. Rispetto alle pillole iniziali, la ricerca è riuscita a ottenere una drastica riduzione (di circa il 99%) della dose totale degli ormoni somministrati in un ciclo di trattamento, mantenendo un elevato livello di efficacia contraccettiva e migliorando il profilo di tollerabilità e affidabilità del metodo.
 
La contraccezione ormonale, e in particolare la pillola estroprogestinica, ha avuto un impatto "rivoluzionario" nella vita della donna moderna...
... Consentendole di vivere la propria sessualità in modo spontaneo, sicuro e senza interruzioni. La contraccezione ormonale offre alla donna in età fertile numerosi vantaggi e benefici, non solo contraccettivi ma anche sulla salute.