Scheda di approfondimento

fiogf49gjkf0d

Il metodo di contraccezione d’emergenza oggi utilizzato con maggiore frequenza è quello che utilizza due compresse di solo ormone progestinico (levonorgestrel), da assumersi a distanza di 12 ore ed entro non oltre le 72 ore dal rapporto ritenuto a rischio. A questo proposito è bene considerare a rischio qualunque rapporto non protetto, indipendentemente dal giorno del ciclo. Esistono anche altre contraccezioni d´emergenza, a base di soli estrogeni o associazioni di estrogeno e progestinico, ma sono usate con minore frequenza.


Efficacia
L´efficacia contraccettiva della contraccezione d´emergenza è molto elevata, se assunta nei limiti di tempo consentiti. Prima si ricorre alla contraccezione d´emergenza e minore sarà la probabilità di rimanere incinta.
 
Meccanismo
La contraccezione d´emergenza agisce principalmente sull´endometrio (la mucosa dell´utero), rendendolo inadatto all´annidamento dell´ovulo eventualmente fecondato. Come meccanismo secondario si ha anche un´alterazione del trasporto dell´ovulo, per rallentamento della motilità delle cellule ciliate all´interno delle tube di Falloppio.
 
Potenziali utilizzatrici
·         Tutti i casi di rapporti non protetti.
·         Assenza di contraccezione (violenza sessuale, rapporti imprevisti).
·         Rottura o sfilamento del preservativo.
·         Eiaculazione sui genitali.
·         Coito interrotto fallito.
·         Errore nel calcolo dei giorni fertili, se la donna segue un metodo naturale.
·         Dimenticanza di due giorni della pillola.
·         Ritardo di più di due giorni della ripresa dell´assunzione della pillola.
 
La contraccezione di emergenza è indicata sia nelle adolescenti che nella donna in allattamento.
 
Tollerabilità
La contraccezione d´emergenza è ben tollerata, contiene una bassa quantità di ormoni e il suo utilizzo è comunque episodico. Gli eventuali effetti collaterali (nausea, vomito, dolori addominali, mal di testa) sono transitori e di lieve intensità. L´uso contemporaneo di alcuni farmaci può interferire con l´efficacia della contraccezione d´emergenza.
 
Vantaggi
Riduce il rischio di una gravidanza non desiderata e, quindi, indirettamente, abbassa l´incidenza di ricorsi all´aborto.
 
Controindicazioni
·         Emorragia vaginale di origine non accertata.
·         Tromboembolismo venoso.
·         Emicrania (non la comune cefalea).
·         Allergia a uno dei componenti della pillola.
 
Il ginecologo o il vostro medico è l´unico che può stabilire con certezza se avete una specifica controindicazione alla contraccezione d´emergenza che è comunque un trattamento temporaneo di breve durata.
 
Prescrizione medica
E’ necessaria la prescrizione medica, quindi bisogna rivolgersi al medico curante, al ginecologo o al consultorio di zona. Quando i consultori sono chiusi, in Guardia medica o in un ospedale il personale è tenuto al segreto professionale e deve considerarla una prescrizione d´urgenza, poiché il ritardo espone a un rischio maggiore di una gravidanza indesiderata. La visita ginecologica non è obbligatoria. Può essere richiesto un test di gravidanza.
 
Parlane con il tuo ginecologo: è l´interlocutore più qualificato per suggerirti se la contraccezione d´emergenza è il metodo più indicato per te.