Il metodo in breve

fiogf49gjkf0d
Tipo di metodo
ll metodo oggi utilizzato con maggiore frequenza è quello che utilizza due compresse a basso dosaggio di ormone progestinico (levonorgestrel), da assumersi a distanza di 12 ore ed entro, non oltre, le 72 ore dal rapporto ritenuto a rischio
Partner
Donna
Via di somministrazione
Orale
Meccanismo d'azione
• Agisce principalmente sulla mucosa dell'utero (endometrio) rendendola inadatta all'annidamento dell'ovulo eventualmente fecondato.
Efficacia contraccettiva
MOLTO ELEVATA
se assunta nei limiti di tempo consentiti
Reversibilità
Rapida
Influenza sulla fertilità futura
No.
Interferenza con il rapporto sessuale
No
Protezione dalle MST
No.
Potenziali situazioni di utilizzo
• Assenza di contraccezione (violenza sessuale, rapporti imprevisti).
• Rottura o sfilamento del preservativo.
• Eiaculazione sui genitali.
• Coito interrotto fallito.
• Errore nel calcolo dei giorni fertili, se la donna segue un metodo naturale.
• Dimenticanza di due giorni della pillola
• Ritardo di più di due giorni della ripresa dell'assunzione della pillola.
Adolescenti / Donne in allattamento
La contraccezione d’emergenza è indicata, ma non deve essere considerata un metodo contraccettivo abituale.
Possibili controindicazioni
• Emorragia vaginale di origine non accertata
• Tromboembolismo venoso
• Emicrania (non la comune cefalea)
• Allergia a uno dei componenti della contraccezione di emergenza

Il ginecologo o il proprio medico curante è l'unico che può stabilire con certezza se esiste una specifica controindicazione alla contraccezione d'emergenza che è comunque un trattamento temporaneo di breve durata.
Utilizzo di farmaci
Alcuni farmaci possono interferire con l’efficacia della contraccezione d’emergenza. Durante la visita è importante indicare al medico quali farmaci si utilizzano.
Effetti collaterali
Gli eventuali effetti collaterali (nausea, vomito, dolori addominali, mal di testa) sono transitori e di lieve intensità.
Prescrizione medica
SI’
Ci si può rivolgere al medico curante, al ginecologo o al consultorio di zona. Quando i Consultori sono chiusi, in Guardia Medica o in un Ospedale. Il personale è tenuto al segreto professionale e deve considerarla una prescrizione d'urgenza, poiché il ritardo espone a un rischio maggiore di una gravidanza indesiderata. La visita ginecologica non è obbligatoria. Può essere richiesto un test di gravidanza.