Cos´è il metodo Billings

Il metodo Billings, conosciuto anche come metodo del muco cervicale si basa sull'osservazione e interpretazione del muco prodotto dalle ghiandole del collo dell'utero. 

 
La consistenza e l'aspetto del muco variano nell'arco di ciascun ciclo mestruale.
 
Il metodo, che è piuttosto impegnativo, prevede l'accurata osservazione del muco cervicale, più volte al giorno, con l'aiuto di rigorose regole standardizzate, e la costruzione di un grafico che consenta di individuare, ogni mese, l'ovulazione e il relativo periodo di fertilità.
 
All'inizio del ciclo, dopo le mestruazioni, la cervice è chiusa, il muco è spesso, impenetrabile, non si vede e non si riesce a toccarlo. L'ambiente vaginale esterno è "secco", asciutto al tatto, talvolta addirittura pruriginoso. Alcune donne non hanno alcuna sensazione in questa fase. Il livello degli ormoni estrogeno e progesterone è basso e il muco si trova nella fase non fertile.
 
Durante i giorni vicini all'ovulazione, il muco modifica le sue caratteristiche sotto lo stimolo degli ormoni estrogeni: diventa progressivamente sempre più filante, vitreo, elastico, simile al bianco d'uovo e aumenta in quantità, tanto da essere visibile e da far percepire alla donna una tipica sensazione dapprima di umido ("come se ci fossero delle goccioline che scorrono") e poi di vero e proprio "bagnato" (muco fertile), causato dall'accumulo di acqua. Al tatto, le dita scivolano all'entrata della vagina, come se "fosse stata trattata con sapone liquido" od "oliata".
 
Il giorno dell'ovulazione corrisponde strettamente al giorno del picco di muco. Quindi con questo metodo, a differenza di quello della temperatura basale, si può determinare con relativa sicurezza anche l'inizio della fase fertile. Molte donne utilizzano entrambi gli indicatori, come previsto dal cosiddetto metodo sinto-termico.
Le coppie devono essere particolarmente attenti durante i rapporti sessuali in presenza di muco fertile, fino al terzo giorno dopo la sua scomparsa.
 
Dopo l'ovulazione, l'abbassamento della concentrazione di estrogeni e l'aumento di quella del progesterone provocano da un giorno con l'altro una brusca riduzione del muco.