CousCous

fiogf49gjkf0d

 

Ingredienti
250 g di carne bianca magra
400 g di cous cous
1 peperone
1 cipolla
1 rapa
2 patate
2 pomodori
300 g di ceci
un pizzico di cannella
un pizzico di pepe
peperoncino
olio d’oliva
Necessario
Un tegame
Una couscussiera. In alternativa
è possibile utilizzare uno
scolapasta con i fori molto
piccoli
 
Preparazione: Tagliare la carne in piccoli pezzi uguali. Condire con sale e pepe nero e far rosolare in un tegame per qualche minuto con poco olio di oliva assieme alla cipolla tritata. Insaporire la carne con il peperoncino, unire anche i pomodori tagliati a pezzettini e i ceci precedentemente messi in ammollo in acqua fredda. Pulire e pelare le verdure, tagliarle a cubetti, bagnare con un poco d’acqua e portare ad ebollizione, poi abbassare la fiamma. Bagnare il cous-cous con un po’ di acqua fredda e metterlo nella couscussiera senza staccare i grani. Far cuocere le verdure e il cous-cous per 30-40 minuti a partire dal momento in cui il vapore incomincia a passare nella couscussiera. Disporre il cous-cous su un piatto, bagnarlo con acqua fredda e con una forchetta di legno disfare la massa per arearlo bene e staccare i grani. Disporre carne e verdura sul cous-cous, bagnare abbondantemente con un poco di brodo di verdura e mescolare. Lasciare riposare prima di servire.
 
 
Il cous cous è l’alimento tradizionale di tutto il Nordafrica, al punto che lo si potrebbe definire “piatto nazionale” dei Berberi. In Sicilia, in particolare nella provincia di Trapani, è di uso comune. La semola, preparata dalle abili mani delle cuoche, è incocciata e poi cotta a vapore in una speciale pentola forata di terracotta smaltata. A San Vito Lo Capo dal 1997, si svolge il Cous Cous Fest, rassegna internazionale di cultura ed enogastronomia del Mediterraneo. Una gara che coinvolge 8 paesi: Costa d’Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia che si affrontano proponendo il cous-cous cucinato secondo la propria tradizione.