Scegli la natura: vivi sano

fiogf49gjkf0d

 

L’agricoltura e l’allevamento biologici certificati creano prodotti in grado di soddisfare la crescente domanda di sicurezza alimentare, tutela ambientale, qualità organolettiche e nutrizionali e offrono risposte concrete alle esigenze dei consumatori, in particolare le donne, più attente alla sostenibilità e al benessere e dunque al legame tra Cibo, Ambiente e Salute.
 
Ma oltre al cibo, la scelta del naturale si può applicare anche agli abiti. La FAO ha proclamato il 2009 Anno Internazionale delle Fibre Naturali. Dalle più comuni (cotone, lino e lana), alle meno conosciute (canapa e viscosa), dalle più pregiate (cachemire e seta), a quelle esotiche (borra di cocco o pelo di cammello), le stoffe naturali sono diversissime ed adatte a tutte le stagioni e i climi. Quelle sintetiche in genere costano meno ma non lasciano “respirare la pelle” perché ostacolano la circolazione dell’aria e l’evaporazione del sudore, offrendo un terreno ideale per la riproduzione di batteri.  Vi è inoltre un problema legato alle allergie: frequenti quelle a poliesteri come nylon e acrilico.
 
 
 
 
La spesa a km zero
La spesa a km zero sostiene che, se acquistiamo alimenti prodotti vicino a dove abitiamo, non usiamo carburante per spostarli, quindi non inquiniamo e risparmiamo. I trasporti nel nostro paese avvengono ancora all’80% su gomma e questo incide di un terzo sul costo finale della verdura. In questo modo si risparmia e si guadagna anche in salute e sapore.
 
 
 
 
Dalla natura un aiuto per i disturbi femminili
Alcune piante possiedono proprietà particolarmente benefiche per la cura dei sintomi premestruali e mestruali. In particolare: verbena, avena, camomilla: contro tensione, ansia e tendenza alla malinconia foglie di tarassaco officinale, mais, ananas: contro gonfiore e ritenzione di liquidi
calendula: contro la tensione mammaria agnocasto: contro squilibri ormonali, ritenzione urinaria, spasmi
 
Un orto alla Casa Bianca
Michelle Obama è una paladina dell’agricoltura sostenibile e promuove con il suo esempio il consumo di alimenti biologici, freschi e nutrienti con un impatto ambientale ridotto. Per ribadire l’importanza di una dieta sana, a base di prodotti di stagione, non trattati e con un forte consumo di frutta e verdura la First Lady USA ha attrezzato un vero e proprio orticello alla Casa Bianca che utilizza solo sementi, fertilizzanti e pesticidi organici. Si tratta di un modello educativo importante per le donne e per le nuove generazioni, soprattutto in un Paese che è estremamente colpito dall’obesità.
 
Attenzione ai luoghi di lavoro
Quali sono i legami tra attività lavorativa delle donne e salute? Posture incongrue, stress da turni, ritmi di lavoro, esposizione a sostanze tossiche, vibrazioni, alte temperature, radiazioni e tossine. Tutti fattori che possono influire negativamente sulla capacità riproduttiva. La gran parte dei prodotti chimici è in grado di modificare i delicati equilibri ormonali della donna, determinando ipofertilità, alterazioni del ciclo mestruale, aborti spontanei, endometriosi. Se stai affrontando un problema particolare (infertilità o altro) non dimenticare di approfondire questo aspetto.
 
Consigli per la salute
• Lava sempre accuratamente frutta e verdura, meglio con bicarbonato.
• Verifica con attenzione le etichette dei prodotti per accertarti della loro freschezza e provenienza.
• Consuma ogni giorno 5 porzioni di frutta e verdura.